Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. . Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Utenti

Il progetto ha coinvolto diverse categorie di utenti e comunità tematiche.

Tra i principali beneficiari ci sono i soci fondatori GARR (CNR, ENEA, INFN e le università), gli enti di ricerca, le istituzioni culturali e le scuole. Nuovi enti sono entrati a far parte della rete GARR grazie all’attivazione di collegamenti dedicati e moltissimi enti già connessi hanno ottenuto significativi vantaggi sia in termini di maggiore capacità di banda che di disponibilità di nuovi servizi in linea con le loro esigenze. Per tutti, il progetto ha portato il beneficio di avere a disposizione una dorsale di rete dalle altissime capacità in grado di far fronte alle evoluzioni di traffico in un’ottica di lungo periodo.

Nuovi collegamenti

Tra le nuove attivazioni, è da segnalare la connessione ad alta capacità di 133 scuole, alcune delle quali in aree di forte digital divide. Tra i destinatari del progetto inoltre ci sono diverse Virtual Research Community, ovvero comunità scientifiche tenute insieme non dall’appartenenza ad un istituto ma da tematiche di ricerca comuni, che operano sempre più non solo su scala nazionale, ma anche europea e mondiale. Queste comunità spesso hanno necessità di servizi specifici e la loro coesione dipende molto dall’efficienza delle infrastrutture ICT a loro disposizione.

Stampa Email

UNIVERSITA'
Rete capillare e servizi avanzati per ricerca e didattica di Atenei, Accademie, Conservatori

RICERCA SCIENTIFICA
Elevate prestazioni, risorse di calcolo e storage distribuiti per gestire Big Data

RICERCA BIOMEDICA
Infrastruttura digitale per la raccolta e la gestione di grandi moli di dati in maniera semplice e sicura

BENI CULTURALI
Piattaforma tecnologica a supporto delle attività di digitalizzazione del patrimonio culturale

SCUOLE
Collegamento a banda ultralarga per favorire i processi di innovazione digitale nella didattica